Recensione: Cronache Americane, libro di Benny Manocchia

Benny Manocchia è emigrato negli Stati Uniti nel 1955 e ha iniziato quasi subito a collaborare con numerose testate italiane.
In più di 40 anni di lavoro come corrispondente in America, Manocchia ha incontrato stelle di Hollywood, scrittori, politici, ha girato il paese in lungo e in largo e ha raccolto tante storie. In questo libro, il giornalista rievoca il proprio percorso professionale raccontandoci l’America e i personaggi che ha incontrato. E lo fa descrivendo i retroscena delle interviste per far risaltare il lato umano delle persone con cui parla.
Troviamo così un Marlon Brando ingrassato, confuso nell’isola polinesiana di Tetiaroa che si è comprato sognando di trasformarla in paradiso.
Manocchia scrive:

[…] mi accolse la spiaggia desolata, alquanto sporca e praticamente deserta; la vegetazione era scarsa e su tutto aleggiava un odore maledettamente sgradevole. Mi incamminai lungo un vialetto pieno di sterco di animali. Dopo un po’ sentii una voce parlare in… che lingua era? In fondo al viale scòrsi una specie di capanna. Mi apparve solida, parzialmente coperta da sterpaglia, con una sola finestra in vista e antenne che spuntavano dal tetto come ramoscelli secchi. La porta era aperta, entrai e vidi lui, Marlon, di spalle – larghe, immense -, che parlava in un microfono.

E poi ancora:

Ogni tanto Marlon raccattava qualcosa dal terreno e la mangiava. «Particolari noccioline molto buone», le definì. Ora parlava a ruota libera, ma mi accorsi che stava parlando a se stesso. L’avvocato mi aveva avvisato: non meravigliarti se comincia a parlare, ma non a te.

Bella la storia di Mike Tyson che da bambino preferiva avere i piccioni come amici, perché i suoi coetanei di Brooklyn lo deridevano. Scoperto da Costantino “Cus” D’Amato, Tyson diventerà il grande pugile che è stato.

Il ragazzo a volte era attento, più spesso però pensava ad altro. Cus gli disse che aveva visto in lui la forza di un futuro campione del mondo. In realtà Tyson avrebbe voluto diventare un cantante, ma aveva la vocina di un bambino. Quando diventammo amici glielo dissi e lui mi guardò in modo strano. «Si vede che non capisci molto di canzoni e di cantanti», rispose cercando di alterare il tono di voce.

Ho amato i racconti su Tennessee Williams e Ernest Hemingway, perché fanno emergere tratti poco conosciuti della personalità dei due scrittori.
Ecco cosa scrive Manocchia su Tennessee Williams:

L’intervista fu laboriosa, nel senso che a volte, per i segni del tempo e della vita, Tennessee perdeva il filo della chiacchierata, oppure spesso rispondeva alle domande formulandone delle altre a me. «Vorrai chiedermi della Magnani: Nannarella era unica», esordì, con un inaspettato accento romanesco. Un giorno, infatti, Thomas scoprì l’Italia. Nel corso delle sue sempre più lunghe soste a Roma conobbe Anna Magnani e divenne un ardente fan delle qualità artistiche di “Nannarella”, come aveva imparato a chiamarla. Un’amicizia che durò 24 anni. Proprio per lei scrisse “The Rose Tattoo”: «Era unica, ti dico. Scrivevo le parole e nella mia mente vedevo lei che le recitava.»

Manocchia intervista Hemingway nella sua casa di Key West. Tante sarebbero le frasi del grande scrittore che vorrei citare, due, però, mi hanno colpito in modo particolare:

Tu vuoi fare il giornalista? Ti piace scrivere? Se non ti piace, mettiti a vendere banane. Deve piacerti fino a farti sentire male. E metti sempre in chiaro quello che ti fa male.

Però i libri ti mangiano il cervello un pezzo alla volta. Tu che credi di avere una bomba in mano e l’editore che ti chiede tutt’altra cosa. Poi arriva l’assegno e pensi: sono l’inviato speciale del Signore per dire ai comuni mortali come e cosa è la vita.

Cronache Americane è come un racconto a più voci che ci fa conoscere non solo celebrità, ma anche il carattere e la mentalità dell’americano comune.
Ho apprezzato molto lo stile scorrevole del giornalista.

Editore: Le Mezzelane Casa Editrice (19 luglio 2017)

In ebook o su carta, acquistatelo qui qui

Biografia di Benny Manocchia:

Provengo da una famiglia di giornalisti: mio padre Francesco, i miei fratelli Lino e Franco e, oggi, mio nipote Giampiero.
A 17/18 anni cominciai a collaborare con le pagine regionali del Corriere dello Sport, il Momento e Momento Sera. Nel 1955 emigrai negli Stati Uniti e, dopo un periodo di orientamento cominciai a collaborare con il settimanale ABC.
Da freelance ho anche scritto numerosi articoli per la Domenica del Corriere e la Tribuna Illustrata, oltre a inchieste per altre pubblicazioni italiane.
Poi firmai il contratto come corrispondente con Rusconi, con il quale sono rimasto fino a quando non passò la mano ai francesi; seguirono molti anni con Gioia, Gente, Gente Motori, Scienza e Vita Nuova ed il quotidiano La Notte.
Nel 1971 pubblicai il mio primo libro “Il prete di Cosa nostra”, pubblicato dalla MEB di Torino, di cui si parlò molto, fin sulle pagine del Corriere della Sera. Seguirono “Indagine su 10 squillo di lusso” e “Voodoo”, nato da un’inchiesta che svolsi ad Haiti. Scrissi infine la biografia di Lana Turner, che fu pubblicata a nome di Lana con, in copertina, la dicitura “traduzione di Benny Manocchia”.

Leave a Reply